Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un uomo ferito gravemente e due teste di cuoio con lesioni leggere è il bilancio di uno sgombero che la polizia tedesca ha compiuto oggi in Sassonia-Anhalt.

Gli agenti si sono scontrati anche con armi da fuoco con alcuni "Reichsburger", i "cittadini del Reich", un movimento che per un misto di opportunità economica e ideologia neonazista non riconosce l'autorità dello Stato. Lo riporta l'agenzia Dpa, citando un portavoce della polizia.

L'uomo rimasto ferito gravemente nella sparatoria avvenuta a Reuden ha 41 anni ed è stato elitrasportato in ospedale. Un commando della squadra "Sek" è rimasto ferito al collo in una colluttazione avvenuta prima dello scontro a fuoco, mentre l'altro è stato "morso" da uno dei "Reichsburger".

Lo sgombero era stato ordinato per un debito ipotecario non pagato. Non è chiaro chi abbia iniziato a sparare ma anche l'uomo poi ferito ha usato un'arma.

I Reichsburger riconoscono solo l'impero tedesco e quindi non rispettano autorità di alcun tipo, quelle fiscali incluse, e alcuni sono noti per far parte degli ambienti di estrema destra. Già in centinaia di casi le autorità della Sassonia-Anhalt, una regione dell'est nella ex-Ddr, hanno avuto problemi con questo movimento: la Dpa conta circa 200 episodi solo nel capoluogo Halle, per la maggior parte legati al rifiuto di pagare il canone tv.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS