Tutte le notizie in breve

Germania: terrorista fermato 'per minaccia a Bundesliga' (foto simbolica d'archivio).

KEYSTONE/AP/SEBASTIAN WIDMANN

(sda-ats)

Ci sarebbe un possibile attentato contro l'avvio del campionato di calcio tedesco di seconda Bundesliga dietro il fermo di un sospetto terrorista dell'Isis di alto livello compiuto in Renania-Palatinato.

Si tratterebbe di un profugo siriano di 25 anni, scrive, citando proprie fonti, il sito dell'emittente pubblica regionale "Swr". Il giovane è nato a Damasco ed era arrivato in Germania all'inizio di quest'anno.

"Un'indicazione sarebbe venuta da un carcere di Gelsenkirchen", riferisce l'agenzia tedesca, precisando che il fermo è stato compiuto "durante un controllo" dai 'Sek', le teste di cuoio della polizia.

Secondo la Dpa, gli indizi non riguardavano la "serie A" tedesca, ma la "seconda Bundesliga".

"Nell'indizio che ha innescato l'arresto, dovrebbe esserci stato un nesso con l'inizio della seconda Bundesliga calcistica lo scorso fine settimana", scrive l'agenzia riferendosi implicitamente alla serie cadetta che è cominciata venerdì, il giorno del fermo, con un incontro vinto fuori casa dall'Hannover con il Kaiserslautern, squadra dell'omonimo centro ad una sessantina di chilometri ad ovest di Mutterstadt dove è stato fermato il siriano.

Il fermo è stato compiuto a Mutterstadt, precisa la Dpa, riferendosi a una cittadina di circa 13 mila abitanti a una decina di chilometri dal centro di Mannheim.

Nei giorni scorsi era emerso che i due rifugiati che hanno perpetrato attacchi in Baviera il mese scorso (l'assalitore del treno di Wuerzburg e il kamikaze di Ansbach) erano in contatto con cellule dello Stato islamico.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve