Tutte le notizie in breve

È scaduto a mezzanotte con un nulla di fatto il termine ultimo per abbattere due giovani lupi del branco presente nella regione del Calanda, nei Grigioni.

Nel corso dei tre mesi abbondanti a disposizione infatti i guardacaccia non sono riusciti ad esplodere neppure un colpo. L'autorizzazione era stata concessa lo scorso dicembre dall'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM) in risposta a una richiesta dei Cantoni di San Gallo e dei Grigioni.

L'inverno mite e poco innevato ha fatto sì che gli animali se ne stessero piuttosto in disparte, evitando le abitazioni della zona: non vi sono stati incontri tra umani e lupi, ha indicato oggi all'ats Georg Brosi, ispettore della caccia del canton Grigioni.

Il branco, che conta otto esemplari, ha potuto senza grossi problemi restare sulle tracce delle sue prede, soprattutto i cervi, che quest'anno si sono mantenuti in altitudine.

Il comportamento dei lupi è determinante per un'eventuale nuova autorizzazione di abbattimento, ha aggiunto Brosi.

Secondo il Gruppo Lupo Svizzera, il fatto che l'abbattimento non si sia reso necessario è la dimostrazione che il branco in questione non ha un comportamento problematico. Se fosse stato altrimenti gli animali ritenuti difficili sarebbero senza dubbio stati rapidamente uccisi.

In realtà un esemplare è stato trovato morto circa due settimane fa sotto un ponte stradale del comune grigionese di Sils in Domleschg. L'animale - un giovane maschio nato nel 2015 - era stato ucciso qualche giorno prima con un fucile a pallini, probabilmente da un bracconiere. Secondo i guardacaccia si tratterebbe di uno dei due lupi problematici del branco del Calanda.

L'UFAM aveva accolto una richiesta presentata a fine novembre dai cantoni di San Gallo e Grigioni, secondo cui gli animali stavano perdendo sempre più il loro timore nei confronti dell'uomo, spingendosi all'interno di insediamenti umani, facendo aumentare la minaccia potenziale per le persone.

L'UFAM aveva formulato raccomandazioni su come effettuare l'abbattimento: i due lupi avrebbero dovuto essere eliminati in due momenti distinti e in presenza degli altri esemplari del branco, l'uccisione avrebbe dovuto avvenire nei pressi di insediamenti e nelle ore in cui si svolgono attività umane.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve