Tutte le notizie in breve

Le autorità greche hanno esteso le indagini per evasione fiscale nel contesto di UBS. Il governo ellenico ha confermato oggi che è stata effettuata una perquisizione presso un ex investment banker di alto grado della grande banca in Grecia, Christos Sclavounis.

La notizia era stata data dal "Financial Times". L'esecutivo ha spiegato che si tratta "di un ulteriore caso in cui le autorità greche hanno agito in maniera metodica ed efficiente per fare giustizia". Esso continuerà a procedere contro la corruzione e altri comportamenti errati. Non è stato possibile raggiungere Sclavounis per una presa di posizione.

Già in dicembre il ministero pubblico greco aveva perquisito uffici di UBS ad Atene e sequestrato documenti. Le indagini sono partite da dati trasmessi dal Land tedesco del Nordreno-Vestfalia - che dal 2010 ha acquistato svariati CD contenenti informazioni su evasori - al ministero delle finanze greco. Una portavoce della banca ha spiegato che l'istituto non è stato informato a proposito di una presunta perquisizione e quindi non si esprime in merito.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve