Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nenad Stojanović per il referendum contro la legge di applicazione del mandato costituzionale sull'immigrazione di massa rinuncia a ore di sonno.

KEYSTONE/CHRISTIAN BEUTLER

(sda-ats)

Il politologo Nenad Stojanović valuta al 30% le chance di riuscita della raccolta di firme per il referendum contro la legge di applicazione del mandato costituzionale sull'immigrazione di massa.

"Abbiamo fissato alla fine di marzo il termine per l'invio a noi", afferma il Stojanović in un'intervista pubblicata dalla piattaforma informativa online Infosperber.ch. L'ex granconsigliere socialista ticinese non esclude che in quel momento arrivi "una valanga".

Domenica la Gioventù socialista svizzera deciderà se sostenere il referendum, come chiesto dalla sezione ticinese: in caso di sì le chance salirebbero al 50%, spiega Stojanović. Al momento le firme sono 12'000, entro il 7 aprile dovranno essere 50'000.

A suo avviso aver lanciato la raccolta è stato comunque importante: "anche se fallirà, si potrà dire che il popolo ha avuto una possibilità concreta di esprimersi sulla legge". "Se nemmeno un percento degli aventi diritto di voto - i 50'000 di un referendum - utilizza questa possibilità, ciò rappresenta una implicita affermazione politica".

Stojanović ha detto di aver ricevuto anche un'offerta di un'organizzazione che ha proposto di raccogliere le firme in cambio di un compenso, ma di aver rifiutato per motivi di principio. "Ritengo che queste pratiche andrebbero proibite".

Il 41enne si impegna così in prima persona. "Dal 28 dicembre a causa del referendum dormo solo cinque ore per notte", ha detto. Lo scorso fine settimana ha passato un giorno intero in piazza a Lugano: fra le 9 e le 15 ha così raccolto 130 firme. "Siamo un comitato di nove membri, volontari, che si impegnano secondo le loro possibilità. Ho un lavoro e una famiglia. Facciamo quello che possiamo".

SDA-ATS