Tutte le notizie in breve

Il mercato del lavoro svizzero stenta a riprendersi: è quanto emerge dall'ultimo indicatore dell'impiego calcolato dal Centro di ricerca congiunturale del Politecnico di Zurigo (KOF).

L'indice è salito in aprile a -2,7 punti, contro i -2,8 punti (dato rivisto da -2,9) del rilevamento precedente, che risale a febbraio.

Le 4500 imprese interpellate nell'ambito del sondaggio trimestrale vedono frenata la loro evoluzione sul fronte dell'occupazione a causa di prospettive cupe nei settori dell'industria della trasformazione, del commercio al dettaglio e all'ingrosso, nonché nelle assicurazioni e nella ristorazione, indica il KOF in un comunicato odierno.

Il valore negativo è imputabile al fatto che sempre più aziende considerano "eccessivi" i loro effettivi. Il numero delle imprese che prevedono una riduzione del personale nei prossimi tre mesi è inoltre superiore a quello delle aziende che intendono creare nuovi posti di lavoro.

Se da un lato l'indicatore per il secondo semestre è superiore ai valori registrati lo scorso anno dopo l'abbandono della soglia minima franco-euro, dall'altro si è affievolita la speranza che il mercato svizzero dell'impiego potesse rilanciarsi durante il primo semestre. La situazione è infatti sempre cupa.

La lenta ripresa del mercato è imputabile in particolare al fatto che le imprese maggiormente colpite dall'apprezzamento del franco continuano ad esitare a creare nuovi impieghi. Per questo motivo, spiega il KOF, gli indicatori dell'industria della trasformazione, del commercio al dettaglio e all'ingrosso, nonché del settore alberghiero restano in territorio negativo. Inoltre tendenze alla riduzione del personale si manifestano pure nelle assicurazioni e nelle banche.

A ciò si aggiunge un rallentamento nella creazione di posti di lavoro nei settori dell'edilizia e delle prestazioni di servizi. Infine, i trasporti, l'informazione e la comunicazione, come pure la sanità pubblica e la socialità, non sostengono più la crescita degli impieghi nella stessa misura che in passato.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve