Tutte le notizie in breve

Shimon Peres, in una foto del luglio 2014.

Keystone/AP/DAN BALILTY

(sda-ats)

Israele trattiene il fiato per Shimon Peres. L'ex presidente israeliano, 93 anni, è ricoverato in un ospedale di Tel Aviv, il Tel HaShomer, dopo essere stato colpito da un ictus. E' in condizioni definite "serie".

Peres, ha reso noto il direttore del centro medico Sheba, Yitzhak Reis, ha sofferto di una vasta emorragia cerebrale. L'ex presidente è ricoverato nel reparto di rianimazione. E' stato sedato ed è collegato a un respiratore.

"Dovremo prendere alcune decisioni", ha detto il figlio Hemi parlando delle condizioni del padre: "Sono ore non facili per noi - ha aggiunto - e per tutta la famiglia".

Il premier Benyamin Netanyahu ha detto in un primo commento che "tutto il popolo prega per lui".

Uno dei simboli di Israele, il padre della patria che ha fatto gli Accordi di pace di Oslo insieme a Yitzhak Rabin, per tre volte, compresa questa, è dovuto ricorrere alle cure dei medici in pochi mesi. L'anziano statista e Nobel per la pace nel tardo pomeriggio ha detto di "non sentirsi bene" ed è stato accompagnato dal suo medico personale in ospedale dove è stato sottoposto ad accertamenti per disturbi collegati al cervello. Ora, secondo quanto riferito dai media, è trattato con i farmaci relativi.

A gennaio di quest'anno Peres è stato ricoverato una prima volta per una leggera aritmia cardiaca e sottoposto ad angioplastica con l'allargamento di un'arteria; due settimane dopo nuovo ricovero per quello che è stato definito un piccolo attacco cardiaco. Rimessosi completamente, Peres è stato dimesso dall'ospedale dopo cinque giorni.

In quell'occasione Peres - che non ha rinunciato ai suoi numerosi viaggi all'estero e ad una incessante attività politica con la sua Fondazione - è stato subissato di auguri non solo da tutto Israele ma anche da parte dell'intera comunità internazionale, molto affezionata all'uomo considerato un padre della patria e uno strenuo difensore della pace e del dialogo con i palestinesi.

Peres ha terminato il suo mandato da nono presidente dello Stato di Israele nello scorso 2014 ma è rimasto molto attivo e presente nella politica israeliana. La sua ong, il 'Centro Peres per la pace' - che si trova a Giaffa - è uno dei punti fissi della politica di promozione della coesistenza tra arabi ed ebrei e dello sviluppo della pace in Medio Oriente. Nella sua lunga carriera politica - quasi 70 anni - è stato al centro della vita di Israele ed ha ricoperto negli anni gli incarichi più importanti: da ministro della difesa a premier.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve