Tutte le notizie in breve

Il ginecologo Severino Antinori è stato arrestato oggi a Roma dai carabinieri del Nucleo Antisofisticazione e Sanità (Nas) di Milano. I militari stavano indagando su un caso, a lui contestato, di espianto di ovuli con violenza.

Ad arrestarlo sono stati i militari dell'Arma mentre si trovava in aeroporto.

Secondo quanto si è appreso l'espianto forzoso degli ovuli sarebbe avvenuto nella clinica Matris di Milano, che i carabinieri del Nas stanno ponendo sotto sequestro.

L'espianto degli ovuli sarebbe stato, se venisse accertato l'assenza di consenso, una sorta di 'rapina' ai danni di una giovane straniera, una spagnola di 24 anni, che era stata sottoposta ad un intervento per una cisti ovarica.

La ragazza - secondo le accuse - era trattata con una cura ormonale fatta passare per una terapia per il trattamento di una cisti ovarica, e ha riferito di essere stata immobilizzata, anestetizzata e costretta a subire un'asportazione di ovuli, nonché privata del proprio telefono cellulare, per impedirle di chiedere aiuto.

La donna, al risveglio dall'anestesia, approfittando della distrazione del personale infermieristico, era riuscita a raggiungere un telefono della clinica ed a chiamare, di nascosto ed in lacrime, i carabinieri.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve