Tutte le notizie in breve

Casa Italia a Cracovia era un ambiente aperto, con contatti a basso rischio di contagio. Non è pertanto giustificata né raccomandata la chemioprofilassi a tutti i ragazzi che hanno partecipato alla Giornata mondiale della gioventù.

È invece utile una sorveglianza sanitaria dello stato di salute per dieci giorni per verificare l'insorgenza di eventuali sintomi (in particolare febbre). Lo evidenzia la direzione Salute della Regione Friuli Venezia Giulia in una nota.

Nello stesso comunicato si precisa che la meningite meningococcica è provocata da germi chiamati meningococchi che si trasmettono a seguito di uno stretto contatto in ambiente chiuso con un malato o con un portatore sano. La chemioprofilassi post esposizione è raccomandata unicamente ai soli contatti stretti ad alto rischio dopo una valutazione clinica. La direzione Salute ricorda che un importante strumento di prevenzione contro la meningite è la vaccinazione.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve