Italia: preso nel Comasco uno degli evasi da Rebibbia


 Tutte le notizie in breve

Il carcere di Rebibbia a Roma

KEYSTONE/EPA/ALESSANDRO DI MEO

(sda-ats)

È stato catturato dalla polizia a Luisago (provincia di Como) uno dei tre detenuti che lo scorso 27 ottobre riuscirono a evadere dal carcere romano di Rebibbia calandosi grazie a lenzuola arrotolate dopo aver segato le barre della cella.

L'operazione è stata condotta dalla Squadra mobile di Milano e Roma, in collaborazione con il Nucleo investigativo centrale della Polizia penitenziaria, nell'ambito di un'indagine coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia (Dda) della procura di Roma.

L'evaso catturato dalla polizia è Mikel Hasanbelli, 38 anni, che era in carcere per sfruttamento della prostituzione e traffico di droga. L'uomo, considerato un membro di spicco della criminalità albanese in Lombardia, deve rispondere anche di omicidio e di tentato omicidio per un agguato compiuto ad Anversa nel 2002 come vendetta per l'omicidio del padre avvenuto due anni prima in Albania.

I suoi compagni di fuga sono entrambi albanesi: Ilir Pere, 40 anni, condannato per traffico di droga e armi e per tentato omicidio con fine pena nel 2041, e Basho Tesi, 35 anni, condannato all'ergastolo per omicidio, armi e sfruttamento della prostituzione.

Quel giorno evasero alle 3.15 del mattino calandosi con lenzuola blu arrotolate e legate a scope. Per creare un diversivo misero dei fantocci nel letto. I tre non si conoscevano prima di Rebibbia, motivo per cui una volta fuori avrebbero preso strade diverse. Hasanbelli sarebbe scappato subito in Lombardia, potendo contare su una rete di amici e parenti.

Le intercettazioni della Squadra mobile hanno permesso di individuare il fuggitivo, che ieri pomeriggio è stato trovato in una villetta a schiera in via Matteotti a Luisago (Como). In casa c'erano tre persone, tra cui un cugino che poi è stato arrestato per detenzione di droga. Al momento dell'irruzione degli agenti, Hasanbelli ha provato a fuggire ma stavolta non ha fatto in tempo. In tasca aveva una carta di identità romena.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve