Tutte le notizie in breve

Resta solo Silvio Anzola sul fondo del mare di Palinuro, in provincia di Salerno, fra quelle grotte a 50 metri di profondità che lo hanno inghiottito con i suoi compagni Mauro Cammardella e Mauro Tancredi, i cui corpi sono stati recuperati oggi dai soccorritori.

I tentativi per portarlo in superficie ricominceranno domattina presto. Nel corso della difficile operazione di recupero un vigile del fuoco di Roma, uno speleosub di 30 anni, ha dovuto fare ricorso anche alla camera iperbarica per un principio di embolia.

Sulla tragedia che ha portato alla morte i tre sub che si erano immersi venerdì mattina nelle acque dove vi è la Grotta della Scaletta vuol vederci chiaro la magistratura: sono stati ripresi i luoghi ed i corpi dei sub, si vuole controllare, ad esempio, se sia stato rispettato il tragitto comunicato alle autorità.

Cosa è accaduto venerdì mattina? Secondo alcune indiscrezioni sembrerebbe che i tre sub non avessero steso la 'sagola' (una sorta di Filo di Arianna) lungo la grotta. Era presente, almeno ad una prima ispezione, una vecchia corda lungo la parete, ma questa non copriva tutto il tragitto. In ogni caso bisognerà esaminare le strumentazioni dei tre per capire cosa sia realmente avvenuto.

Certo è che non erano novellini, tutt'altro. Mauro Cammardella, responsabile del Centro diving, era apprezzato per la sua competenza ed esperienza così come Mauro Tancredi. Ugualmente esperto Silvio Anzola. Una delle ipotesi è che quest'ultimo si sia allontanato mostrando difficoltà ed i suoi amici per soccorrerlo siano rimasti a loro volta coinvolti in un incidente.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve