Tutte le notizie in breve

Anche con gli spaghetti all'amatriciana si possono aiutare le vittime del terremoto.

KEYSTONE/AP/ALESSANDRA TARANTINO

(sda-ats)

Jamie Oliver, chef superstar britannico, aderisce all'iniziativa dell'amatriciana 'della solidarietà', annunciando di voler devolvere per le zone terremotate una quota degli incassi derivanti dalla vendita del piatto di pasta che ha reso celebre Amatrice.

L'iniziativa, riferiscono con enfasi alcuni media anglosassoni, riguarderà tutti i ristoranti della popolare catena che, a Londra e non solo, portano il nome di Oliver. Per ciascuna porzione ordinata saranno donate 2 sterline, ha confermato lo chef su Instagram.

Si può dare "un aiuto in grado di fare la differenza" nelle aree dell'Italia centrale devastate dal sisma, ha aggiunto Oliver, precisando che la somma sarà destinata a sostenere il lavoro dei vigili del fuoco e a comprare cibo, vestiti, tende e medicinali per coloro che sono rimasti senza casa. "Io credo che si possano raccogliere facilmente migliaia e migliaia di sterline", ha concluso.

La cucina di Oliver occhieggia da sempre alla tradizione gastronomica italiana, pur rivisitata in chiave anglo-internazionale da grande pubblico. E la sua notorietà può allargare l'impatto globale dell'idea della 'amatriciana solidale', già sposata da decine di cuochi italiani e stranieri.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve