Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Alitalia ha già cancellato 40 voli tra nazionali ed internazionali.

Keystone/AP/ALESSANDRA TARANTINO

(sda-ats)

Dai tir, agli aerei, ai tassisti. Tra proteste e scioperi si preannunciano giorni complicati per chi si dovrà spostare in Italia con un assaggio di "primavera calda" sul fronte dei trasporti che prenderà il via domani per continuare la prossima settimana.

Si comincia proprio durante il fine settimana con il "Tir day" organizzato dal coordinamento delle associazioni nazionali italiane dell'autotrasporto Unatras che domani vedrà coinvolte 20 città in undici regioni, non proprio uno sciopero ma una serie di iniziative organizzate dagli autotrasportatori per chiedere al governo di rispettare gli impegni assunti con le imprese.

Punti salienti, la determinazione dei costi indicativi di esercizio da far valere nei confronti dei committenti al contrasto della concorrenza sleale, le sanzioni contro il mancato rispetto dei tempi di pagamento, lo sblocco delle autorizzazioni per i trasporti eccezionali. Si prevedono cortei di "camion lumaca", conferenze stampa, sit in davanti alle sedi della Motorizzazione civile e della prefettura, incontri con parlamentari ed esponenti delle istituzioni.

Più complicata promette di essere la giornata di lunedì per chi dovrà spostarsi in aereo: fermo dalle 13.00 alle 17.00 per lo sciopero nazionale il personale operativo dell'Ente nazionale per l'assistenza al volo (Enav) ed il personale amministrativo nelle ultime quattro ore del servizio, mentre la sigla sindacale CUB Trasporti (e per gli aeroporti di Milano anche il sindacato USB) ha proclamato un'intera giornata di sciopero.

Alitalia ha già cancellato 40 voli tra nazionali ed internazionali. Sul fronte del trasporto aereo lo sciopero di lunedì sarà un assaggio: il 5 aprile infatti, per protestare contro i 2000 tagli annunciati, si bloccheranno per 24 ore tutti i lavoratori di Alitalia.

Giovedì infine, dopo il caos dei primi di marzo, tornano a protestare i tassisti, ancora una volta per chiedere regole stringenti su noleggi con conducente e Uber. La protesta però questa volta non è unitaria ed una serie di sigle preferiscono invece attendere gli sviluppi del tavolo tecnico del governo che sta definendo le nuove regole.

SDA-ATS