KOF: barometro sale ai più alti livelli dal 2013


 Tutte le notizie in breve

KOF: buone prospettive nel comparto tessile

Keystone/MARCEL BIERI

(sda-ats)

Si profila una robusta crescita per l'economia svizzera: il barometro congiunturale calcolato dal Centro di ricerca congiunturale KOF del Politecnico federale di Zurigo è salito in febbraio di 5,2 punti, su base mensile, a quota 107,2.

Il dato di gennaio è stato rivisto al rialzo, da 101,7 a 102,0 punti.

Il balzo in avanti è nettamente superiore alla media di lungo termine e suggerisce "un tasso di crescita notevole per l'economia svizzera nel prossimo futuro", affermano gli esperti del KOF. Il dato annunciato oggi supera nettamente le attese degli analisti consultati dall'agenzia finanziaria AWP, che avevano pronosticato un risultato compreso tra 102,0 e 104,0 punti. Per ritrovare una performance simile bisogna risalire alla fine del 2013.

Sembra quindi che lo choc monetario innescato nel gennaio del 2015 dalla decisione della Banca nazionale di abbandonare la soglia minima di cambio con l'euro sia stato totalmente superato sul piano macro-economico, commenta il KOF.

La spinta verso l'alto di febbraio si deve in particolare all'industria e in misura minore al settore alberghiero. Segnali leggermente positivi sono stati riscontrati anche nel settore finanziario, delle esportazioni e dell'edilizia, mentre gli indicatori relativi ai consumi interni da un mese all'altro sono rimasti praticamente invariati.

All'interno dell'industria di trasformazione le prospettive appaiono buone nei comparti della carta, del tessile, dell'industria elettrica e meccanica. Più ottimisti anche gli architetti, mentre gli altri segmenti non registrano variazioni. Il barometro congiunturale del KOF, ora attualizzato, si basa su 272 indicatori.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve