Tutte le notizie in breve

Il Centro di ricerca congiunturale del Politecnico federale di Zurigo (KOF) mantiene all'1% la previsione di crescita per il 2016. L'espansione economica continua ad essere condizionata dalla forza del franco e dalla debolezza della congiuntura mondiale.

Nel 2017 il prodotto interno lordo (Pil) dovrebbe invece crescere dell'1,9%. Il KOF mantiene dunque grossomodo le previsioni formulate in primavera. Per l'anno prossimo infatti la stima dell'evoluzione del Pil era di un +2,0%, si legge in un comunicato del KOF diffuso oggi.

All'inizio di quest'anno, la congiuntura europea si è rivelata un poco migliore del previsto, ma la tendenza non ha avuto effetti sulla produzione in Svizzera, scrivono gli esperti. A livello mondiale il KOF prevede un potenziamento della dinamica, in particolare grazie alle economie emergenti. Il Centro di ricerca prevede un calo di 0,1 punti della crescita per l'anno venturo essenzialmente in funzione del deterioramento delle prospettive nell'Unione europea.

Tra i settori d'esportazione, globalmente sotto pressione, alcuni come l'industria farmaceutica e quella delle tecnologie mediche hanno maggiore margine di manovra nella fissazione dei prezzi e se la cavano meglio. Per quest'anno il KOF prevede una crescita dell'export del 3,5% quest'anno e per il 2017 del 2,7%. Tuttavia, dato che contemporaneamente le importazioni dovrebbero registrare una progressione più marcata (+4,9% nel 2016 e +3,2% nel 2017), il contributo al Pil delle esportazioni dovrebbe diminuire.

Dal canto loro, i consumi privati continuano a costituire un importante sostegno congiunturale e dovrebbero aumentare dell'1,6% quest'anno e dell'1,4% nel 2017. Sul fronte dei prezzi, dopo una deflazione dello 0,4% quest'anno il KOF prevede un rincaro dello 0,2% l'anno prossimo.

In relazione all'impiego, per gli esperti si delinea un tasso di disoccupazione (secondo i criteri dell'Organizzazione internazionale del lavoro) del 4,8% questo e il prossimo anno.

Il KOF considera difficilmente valutabili i rischi legati all'uscita del Regno Unito dall'Ue.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve