Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le dimensioni della pupilla sarebbero un indicatore delle capacità mentali, secondo uno studio statunitense.

KEYSTONE/GAETAN BALLY

(sda-ats)

L'intelligenza si leggerebbe negli occhi, infatti la grandezza delle pupille è un ottimo indicatore delle capacità mentali di un individuo.

È quanto suggerito dai risultati di una ricerca condotta presso la Georgia Institute of Technology e pubblicata sulla rivista Cognitive Psychology.

Lo studio ha coinvolto 512 individui che sono stati sottoposti a una serie di test cognitivi, per misurare in particolare la loro memoria di lavoro (parte della memoria a breve termine che ci serve, ad esempio, per tenere a mente un numero mentre lo stiamo digitando sulla tastiera del telefono) e la loro intelligenza fluida, o ragionamento fluido, che è la capacità di pensare logicamente e risolvere i problemi in situazioni nuove.

Ebbene è emerso che chi totalizzava punteggi maggiori e quindi aveva capacità cognitive maggiori, presentava anche pupille di dimensioni marcatamente differenti rispetto a chi aveva performance cognitive peggiori.

È possibile che dietro il nesso tra dimensioni della pupilla e intelligenza vi sia il rapporto che la pupilla ha con il cervello, attraverso un'area con cui è in comunicazione diretta, il locus coeruleus, la cui attività neurale è associata a modifiche della dimensione della pupilla.

A sua volta il locus coeruleus è in comunicazione col lobo prefrontale, sede delle nostre funzioni cognitive superiori, dell'"intelligenza" appunto.

SDA-ATS