Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Christoph Blocher inteviene all'AND dell'UDC in Vallese

KEYSTONE/OLIVIER MAIRE

(sda-ats)

Per l'UDC, l'anno 2017 sarà capitale per l'indipendenza della Svizzera. Aprendo i lavori dell'Assemblea nazionale dei delegati a Le Châble, in Vallese, il suo presidente Albert Rösti ha criticato un eventuale accordo quadro con l'Unione europea.

Bisogna "evitare che la Svizzera perda la sua indipendenza e la sua democrazia diretta", ha affermato. "Il governo tenta di seppellire definitivamente la democrazia diretta sottomettendo la Svizzera all'Unione europea", ha aggiunto Rösti.

Il tema dell'indipendenza della Svizzera è stato ripreso dall'ex consigliere federale Christoph Blocher, per il quale questa indipendenza "non è negoziabile".

La sfida nel 2017 dell'Unione democratica di centro sarà quella di impedire l'accordo-quadro istituzionale con l'Unione europea (UE), che il Consiglio federale intende concludere. La libera circolazione e l'accordo Schengen-Dublino sono concetti erronei. "L'Unione europea è un errore di costruzione intellettuale. L'UE e la Svizzera sono incompatibili ", ha concluso lo zurighese.

SDA-ATS