Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I Verdi in testa nelle elezioni in Lituania

KEYSTONE/AP/MINDAUGAS KULBIS

(sda-ats)

Con poco più del 50% delle schede scrutinate, la 'Unione Lituana dei Contadini e dei Verdi' (Lpgu) è in testa nelle elezioni parlamentari di ieri in Lituania con il 25,2% dei voti.

Seguono i conservatori della 'Unione Patria-Cristianodemocratici' con il 16,1%. I socialdemocratici del premier Algirdas Butkevicius - leggermente favoriti nei sondaggi pre-elettorali - sono invece per ora solo terzi con il 15,5% dei voti.

E' però ancora presto per farsi un'idea precisa della composizione del prossimo parlamento lituano. Infatti, se 70 dei 141 seggi in palio sono assegnati col proporzionale con soglia di sbarramento del 5%, per i rimanenti 71 ci si affida ai collegi uninominali e quindi al sistema maggioritario.

E un secondo turno di voto è in agenda il 23 ottobre per determinare i deputati eletti in quei collegi uninominali dove al primo turno nessun candidato è riuscito ad emergere sugli altri. Non ci sono stati exit poll.

"E' tempo di cambiamenti", ha dichiarato il leader di Lpgu, Ramunas Karbauskis, uno dei più grandi proprietari terrieri della repubblica baltica, aggiungendo poi che "è possibile che i socialdemocratici e l'Unione Patria si uniscano" al suo partito "in una coalizione".

Stando ai risultati preliminari, anche il partito laburista e Ordine e Giustizia, cioè i due partiti con cui i socialdemocratici governano al momento, dovrebbero aver superato la soglia di sbarramento del 5% nel proporzionale.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS