Tutte le notizie in breve

Tre agenti di polizia sono rimasti uccisi in un agguato avvenuto a Baton Rouge, in Louisiana.

KEYSTONE/AP NOLA.com The Times-Picayune/CHRIS GRANGER

(sda-ats)

Nuova strage di poliziotti in America. Stavolta a Baton Rouge, la città della Louisiana teatro poco più di dieci giorni fa dell'uccisione dell'afroamericano Alton Sterling da parte di un agente.

Il bilancio dell'agguato è di tre agenti morti e almeno tre feriti. Una morte, quella di Sterling, così come quella di Philando Castile il giorno dopo in Minnesota, che ha riacceso le tensioni razziali, spingendo in piazza per giorni centinaia di persone e alimentando la folle rabbia del killer di Dallas, Micah Johnson, che con i suoi colpi ha ucciso cinque agenti.

A Baton Rouge la violenza è esplosa di nuovo contro la polizia: mentre le indagini sono in corso e i dettagli dell'accaduto non ancora chiari, il sindaco della città Kip Holden ha descritto l'attacco come una vera e propria "imboscata" eseguita da "più sospettati", uno dei quali ucciso. La caccia agli altri due possibili complici resta aperta: si tratta - secondo le ricostruzioni di alcuni testimoni - di uomini vestiti di nero, con il volto coperto. "Sembravano dei Ninja", ha raccontato una testimone. Quello che è stato ucciso aveva un fucile d'assalto.

L'attacco è avvenuto intorno alle 9 del mattino locali, a poco più di un chilometro dalla centrale della polizia. I colpi sparati sarebbero stati almeno 30. "Non c'è nessuna giustificazione per la violenza contro le forze dell'ordine. È un attacco codardo, faremo giustizia", ha tuonato il presidente Usa Barack Obama.

L'agguato ha fatto salire l'allerta fra la polizia in tutti gli Stati Uniti. Il New York Police Department ha rafforzato l'indicazione agli agenti a muoversi in coppia e a fare attenzione a chi si avvicina. A Cleveland, dove si apre nelle prossime ore la convention repubblicana, la sicurezza è stata rafforzata. "Siamo pronti", ha assicurato l'agente del Secret Service a cui fa capo la sicurezza dello show della destra americana.

L'Fbi intanto sta collaborando con la polizia di Baton Rouge nelle indagini, durante le quali sono stati coinvolti anche robot per verificare l'eventuale presenza di esplosivi nei luoghi della sparatoria. Il governatore della Louisiana, John Edwards, ha parlato di un "attacco ingiustificato" e ha visitato gli agenti feriti in ospedale.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve