Tutte le notizie in breve

Mohammed Abdelaziz, il segretario generale del Fronte Polisario, è morto oggi.

KEYSTONE/EPA EFE/FERNANDO ALVARADO

(sda-ats)

Si è spento Mohammed Abdelaziz, il segretario generale del Fronte Polisario, l'organizzazione politico-militare che vuole l'indipendenza del Sahara occidentale.

La notizia della sua morte, avvenuta in un ospedale algerino e dopo una lunga battaglia contro il cancro, è stata ufficializzata sul sito del movimento separatista.

Originario di Marrakech, classe 1947, nel 1973 era stato tra i padri fondatori del Fronte Polisario nato contro il colonialismo spagnolo. Ha sempre lottato per l'indipendenza di quella parte di Sahara occidentale che il Marocco considera sua e controlla fin dal 1975, dalla 'Marcia verde' del 6 novembre, giorno in cui i marocchini si ripresero le province meridionali. Nella questione si è poi inserita l'Algeria che sostiene i saharawi ed è accusata dal Marocco di fomentare le tensioni.

Lo scorso dicembre, per la dodicesima volta Mohammed Abdelaziz era stato eletto segretario generale del movimento. Era considerato una 'colomba' per aver scelto la strada della diplomazia e della non violenza con l'obiettivo di arrivare prima possibile al referendum di autodeterminazione voluto dall'Onu.

Ora l'interim passa al Consiglio nazionale del Polisario che ha decretato 40 giorni di lutto, dopo i quali sarà scelto il successore. Ma la battaglia per il nuovo leader sarà molto dura e cade in un momento particolarmente delicato per la questione sahariana con il Marocco ai ferri corti con le Nazioni Unite e a poche settimane dall'avvicendamento del segretario generale dell'Onu Ban Ki-Moon.

La zona desertica contesa è ricca di fosfati e con ogni probabilità anche di petrolio. L'intervento dell'Onu ha stabilito una tregua dal 1991, ma non ha di fatto risolto la disputa che perdura ormai da 41 anni. Il Polisario vorrebbe l'indipendenza per quel lembo di terra, mentre il Marocco è disposto a cedere solo una autonomia limitata sotto la sovranità non discutibile di re Mohammed VI.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve