Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Angela Merkel alla conferenza stampa odierna

Keystone/AP dpa/A3794/_PETER STEFFEN

(sda-ats)

I paragoni con i metodi nazisti formulati dai dirigenti turchi nei confronti della Germania devono cessare "senza se e senza ma": lo ha detto ad Amburgo la cancelliera tedesca Angela Merkel, ipotizzando di proibire l'ingresso ai politici turchi.

Il governo "si riserva il diritto di riesaminare le autorizzazioni", ha detto la cancelliera in una conferenza stampa con il premier giapponese Shinzo Abe.

Purtroppo i paragoni con il nazismo non sono cessati, ha proseguito Merkel nella conferenza con Abe alla fiera Cebit di Hannover, "ma il governo non permetterà che ogni tabù cada senza riguardo per le sofferenze delle vittime del nazionalsocialismo".

Riguardo alle iniziative elettorali di politici turchi in Germania, Merkel ha detto che resta valido quanto diffuso dal ministero degli Esteri qualche giorno fa: tali manifestazioni possono avere luogo quando "rispettano le basi dei principi e delle regole tedesche". Altrimenti, ha concluso, il governo si riserva il diritto di "esaminare le autorizzazioni".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS