Tutte le notizie in breve

È di 3 morti e 88 feriti ricoverati in ospedale il bilancio di una forte esplosione avvenuta in un complesso petrolchimico della Pemex nel porto di Coatzacoalcos, nello stato orientale messicano di Veracruz. Altri 48 feriti lievi sono stati già dimessi.

Lo si apprende da fonti ufficiali. L'esplosione ha generato una enorme nube di fumo tossico e panico tra la popolazione, con la conseguente richiesta delle autorità di rimanere nelle proprie abitazioni, a causa della presenza nell'aria di composti chimici nocivi.

Chiusa anche la strada Coatzacoalcos-Villahermosa. L'esplosione ha colpito un impianto della PMV (Petroquímica Mexicana de Vinilo), gestita dalla Mexichem, società associata con la Pemex.

Secondo il direttore della compagnia statale José Antonio Gonzalez, "è molto probabile che il bilancio si aggravi ulteriormente". Ancora incerte le cause dell'incidente, ma la causa più probabile sarebbe una fuga di composti chimici.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve