Messico a Trump, risponderemo colpo su colpo


 Tutte le notizie in breve

Il segretario di Stato Usa Rex Tillerson ripreso al momento del suo arrivo in Messico

KEYSTONE/AP/REBECCA BLACKWELL

(sda-ats)

Il governo messicano è convinto che lo scontro con Donald Trump "sarà una battaglia lunga" e, malgrado si mantenga aperto al dialogo, è disposto a rispondere colpo su colpo al presidente USA, se intende lanciare una guerra commerciale con il suo vicino meridionale.

In un incontro con i capigruppo parlamentari, il ministro degli Esteri Luis Videgaray ha sottolineato che "ci stiamo preparando per una battaglia lunga, perché questa crisi non si risolverà in tre giorni", facendo riferimento alla visita ufficiale del segretario di Stato, Rex Tillerson, e del consigliere per la Sicurezza nazionale, John Kelly, a Città del Messico.

"Se si va verso una strategia di scontro, con posizioni apertamente divergenti, nessuno potrà dire che il Messico non ha offerto anzitutto la sua mano aperta", ha aggiunto Videgaray, secondo il quale "l'aver sopportato non solo modi poco diplomatici ma apertamente ostili ci conferisce una legittimità importante con alleati potenziali, compreso lo stesso Congresso americano".

Il capo della della diplomazia messicana ha precisato che "il fatto di aver detto 'ora basta' ha evidentemente avuto conseguenze, e questo spiega perché oggi due segretari Usa sono venuti da noi", avvertendo che "se veramente pensano di imporre tasse alle esportazioni messicane, allora anche noi lo faremo, ma lo faremo meglio, scegliendo i settori nei quali soffrano più danni".

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve