Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un'immagine simbolica mostra un barcone a con a bordo migranti (foto d'archivio).

Keystone/AP/EMILIO MORENATTI

(sda-ats)

Da gennaio ad ottobre 2016 oltre 20'000 bambini non accompagnati o separati dai genitori sono arrivati in Italia via mare.

Questo dato già da solo supera il numero di bambini arrivati in Italia nel 2015, 16'500; di questi 12'300 erano bambini non accompagnati e separati.

A renderlo noto è l'Unicef secondo il quale il numero di bambini rifugiati e migranti arrivati in Italia nel 2016 ha raggiunto livelli senza precedenti. Tra gli ultimi bambini rifugiati e migranti arrivati ci sono 3 neonati, due dei quali nati su una nave della Guardia Costiera Italiana nel Mediterraneo Centrale e uno al porto.

Nei soli primi 9 mesi del 2016 dunque il numero di bambini arrivati via mare è stato più alto dell'anno scorso. Quest'anno oltre il 90% dei bambini ha viaggiato da solo, mentre nel 2015 i minori non accompagnati erano il 75%. Sempre nel 2016 c'è stato anche un incremento di bambini che provengono dall'Egitto, anche se la maggior parte proviene ancora dall'Africa Occidentale.

La situazione dei bambini rifugiati e migranti in Italia è sempre più critica - denuncia l'Unicef - e il sistema di protezione italiano è al limite. "Ogni settimana centinaia di bambini arrivano qui, ognuno di loro ha esigenze reali e urgenti: dai neonati agli adolescenti che viaggiano da soli e che non sanno che cosa li aspetta in un Paese che non conoscono", spiega Sabrina Avakian, Child protection officer dell'UNICEF.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS