Tutte le notizie in breve

Negli scontri di due giorni fa a Idomeni si è sparato "ad altezza di bambino". Lo ha denunciato Loris De Filippi, presidente di Medici senza Frontiere, a margine di una conferenza stampa a Roma.

"Negli scontri - ha detto - almeno 200 persone sono rimaste ferite da gas lacrimogeni e altre 37 da proiettili di gomma sparati ad altezza non di uomo, ma di bambino. Almeno tre bambini sono rimasti feriti da questi proiettili". "È una situazione aberrante - ha aggiunto - creata dall'Europa e non risolta dall'Europa".

"Se non ci fossero le organizzazioni internazionali a tentare di portare una soluzione alla situazione di Idomeni - ha denunciato De Filippi - sarebbe un disastro". "E non dimentichiamoci - ha aggiunto il presidente di Msf - che Idomeni è solo una parte del problema greco. Ci sono complessivamente oltre 50 mila persone bloccate all'interno del Paese in questo momento, molte delle quali si trovano in porti come ad esempio al Pireo, dove sono in quattromila".

sda-ats

 Tutte le notizie in breve