Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il presidente del parlamento europeo Martin Schulz

KEYSTONE/EPA/PATRICK SEEGER

(sda-ats)

Nel giorno del vertice Ue di Bratislava, il presidente del parlamento europeo Martin Schulz ha accusato i Paesi dell'Europa centro-orientale di "aver lasciato sola la Germania" nell'affrontare la crisi dei profughi.

In un'intervista alla Frankfurter Allgemeine Zeitung, Schulz ha respinto l'accusa mossa a Berlino dalle cancellerie est-europee di "imperialismo morale" e ha difeso la politica seguita da Angela Merkel: quello che ha fatto "è stato giusto", ha detto.

Schulz ha poi aggiunto che questi Paesi hanno ottenuto "aiuto militare e sanzioni contro la Russia quando si sono sentiti minacciati da Mosca", ma hanno detto "di non essere pronti a dare una mano" quando si è trattato di mostrare solidarietà sui profughi. Schulz ha infine definito "pericolosa" la situazione dell'Ue.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS