Tutte le notizie in breve

Il ministro egiziano degli esteri Samekh Shukri è atteso oggi a Gerusalemme, per la prima volta da 9 anni.

La sua visita "testimonia il cambiamento nella relazioni con Israele", come ha detto il premier Benyamin Netanyahu nell'odierna seduta del consiglio dei ministri.

Il premier ha collegato questa missione a "l'appello importante del presidente al-Sisi per il rilancio del processo di pace, sia con i palestinesi, sia con altri Paesi arabi".

Il portavoce del ministero degli Esteri egiziano, Ahmed Abou Zeid, ha confermato che la visita di Shukri avviene in un momento importante dopo l'appello lanciato dal presidente egiziano Abdel Fattah El-Sissi agli israeliani e ai palestinesi di arrivare a una soluzione globale ed equilibrata alla causa palestinese, che incarna la creazione di uno Stato palestinese indipendente e renda concreta la pace e la sicurezza per Israele.

Durante la sua visita, il ministro degli Esteri avrà ampie discussioni con Netanyahu sulle relazioni bilaterali, le situazioni regionali, la causa palestinese e i mezzi con cui attuare le risoluzioni di legittimità internazionale, gli accordi e le intese tra le due parti in causa, ha aggiunto il portavoce del ministero egiziano.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve