Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Respingere il 12 febbraio il Decreto federale sulla naturalizzazione agevolata degli stranieri di terza generazione sarebbe rinnegare i nostri amici. Lo hanno affermato le sezioni giovanili di tutti i partiti svizzeri, ad eccezione dell'UDC.

Le persone potenzialmente interessate dalla naturalizzazione facilitata sono i nostri compagni di scuola, di studio, di lavoro e dei club sportivi, ha sostenuto il copresidente dei Giovani Verdi Pascal Vuichard. "Sono stranieri solo sulla carta", ha aggiunto il vicepresidente dei Giovani liberali-radicali Michele Barone.

I giovani politici hanno anche tenuto a ricordare che la riforma non prevede una concessione automatica del passaporto svizzero. Le condizioni per la concessione della cittadinanza elvetica rimangono severe ma per i giovani stranieri della terza generazione gli ostacoli burocratici sarebbero ridotti. La presidente della Gioventù socialista Tamara Funiciello non ha del resto esitato a parlare di "microscopico passo in avanti".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS