Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nel 2014 sono state create in Svizzera 42'478 nuove imprese

KEYSTONE/LUKAS LEHMANN

(sda-ats)

Nel 2014 sono state create in Svizzera 42'478 nuove imprese, 5161 in più rispetto all'anno precedente (+13,8%), soprattutto nei cantoni di Zurigo e di Berna, ma anche Ticino (+7,4%), rende noto oggi l'Ufficio federale di statistica (UST).

Le aziende davvero nuove create "ex nihilo" sono state 37'354, la stragrande maggioranza delle quali nel settore terziario (87,9%): attività professionali, scientifiche e tecniche, commercio e riparazioni, sanità e servizi sociali.

In testa alla classifica della creazione di nuovi impieghi si è situato il ramo "alberghi e ristoranti" (+22,9%), mentre il ramo meno dinamico è stato quello delle costruzioni, che, rispetto al 2013, ha presentato un aumento di nuove imprese pari al 5,7% e di posti di lavoro pari al 3,4%.

Su scala cantonale, Zurigo ha registrato il numero maggiore di nuove aziende (8212 unità, ovvero il 19,3% del totale delle creazioni), seguito da Berna (4032; 9,5%), Vaud (3546; 8,3%) e Ticino (3164; 7,4%).Questi quattro Cantoni sono anche quelli che hanno generato il numero maggiore di impieghi.

Fatta eccezione per il cantone di Nidvaldo, tutti gli altri hanno registrato rispetto al 2013 un aumento di nuove imprese e impieghi. L'83,8% delle nuove imprese contava però un unico addetto. La quota di quelle con più di quattro addetti è molto bassa (1,9%). Una struttura simile si profila anche per quanto riguarda gli impieghi, ove le unità maggioritarie sono quelle più piccole. In effetti, l'88,3% degli impieghi sono stati generati all'interno di unità con meno di cinque addetti.

Tra il 2013 e il 2014, la tendenza è stata al rialzo per tutti i gruppi di dimensioni aziendali, tranne che per quello di "10 o più addetti" (nuove imprese: -7,7%; addetti: -13,4%).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS