Tutte le notizie in breve

C'è anche un bambino svizzero fra le vittime dell'attentato a Nizza.

KEYSTONE/EPA/KIMIMASA MAYAMA

(sda-ats)

L'attacco terroristico di Nizza ha causato la morte di due cittadini svizzeri. Oltre a una ticinese 54enne è deceduto un bambino, riferisce in un comunicato il Consiglio federale.

Non è escluso che il bilancio delle vittime svizzere possa aggravarsi, indica la nota.

L'Ufficio federale di polizia (fedpol) nel frattempo ha inviato a Nizza del personale per coadiuvare le autorità francesi nell'identificazione delle vittime elvetiche. Anche due membri del Pool d'intervento in caso di crisi del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) sono partiti per Nizza e Marsiglia.

Per il momento non sono stati raccolti elementi che facciano pensare a un collegamento tra gli avvenimenti di Nizza e la Svizzera, si legge nel comunicato governativo. Quest'ultimo è stato pubblicato dopo una riunione di vari esponenti della sicurezza, tra cui membri del Consiglio federale e delle polizie cantonali.

Il Servizio delle attività informative della Confederazione (SIC) ritiene che la minaccia terroristica non sia mutata mantenendosi a livello elevato, anche se non vi sono indizi concreti di un rischio diretto per la Svizzera e i suoi interessi.

Il presidente della Confederazione Johann Schneider-Ammann ha condannato senza mezzi termini l'attacco e ha espresso per iscritto le condoglianze del popolo svizzero al presidente francese François Hollande. Anche altri membri del Consiglio federale hanno manifestato il loro cordoglio agli omologhi a Parigi, aggiunge la nota.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve