Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le cinque fasi per arrivare alla statuetta degli Oscar

KEYSTONE/AP/Charles Rex Arbogast

(sda-ats)

Una piccola rivoluzione è stata annunciata venerdì a Los Angeles nel modo di rendere pubbliche le candidature agli Oscar 2017.

L'Academy of Motion Picture Arts and Sciences ha fatto sapere infatti che da quest'anno le nomination non verranno più annunciate al pubblico di giornalisti e addetti ai lavori dal teatro della sede dell'Academy, a Beverly Hills, ma verranno rese pubbliche via streaming. Immediatamente dopo l'annuncio l'elenco dei candidati ai 24 premi sarà consultabile sui siti Oscar.com and Oscars.org.

Le nomination verranno rese pubbliche il 24 gennaio, come sempre all'alba (alle 5.18 ora di Los Angeles, le 14.18 in Svizzera) e sostanzialmente poco cambierà, se non la mancanza di quel ristretto pubblico di giornalisti, agenti e pubblicisti ad applaudire e esultare per la candidatura del film al quale si è lavorato.

L'Academy non ha fatto conoscere le ragioni di questa modifica della procedura e varie ipotesi sono state fatte dagli addetti ai lavori, fra queste la riduzione dei costi di produzione di questa mini cerimonia che anticipa di un mese quella ufficiale della consegna delle statuette.

C'è chi ipotizza però che la decisione sia stata presa per evitare che la presidente dell'Academy, Cheryl Boone Isaacs, venga assediata dai giornalisti come successe lo scorso anno, quando vennero escluse le minoranze da tutte le nomination importanti, portando poi alla famosa protesta degli Oscar "troppo bianchi".

La cerimonia di consegna degli Academy Awards quest'anno si terrà il 24 febbraio.

SDA-ATS