Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Preoccupazione per i cristiani in Pakistan.

KEYSTONE/AP/MUHAMMED MUHEISEN

(sda-ats)

Censurate dal governo pakistano undici televisioni cristiane. Tra queste, dichiarate illegali dal "Pakistan Electronic Media Regulatory Authority", ente del governo pakistano, c'è anche la Catholic Tv, rete cattolica diocesana di Lahore.

La fondazione pontificia Aiuto alla Chiesa che Soffre stava sostenendo con uno specifico progetto biennale questo canale, da 17 anni prima e unica televisione cattolica in tutta la nazione. La Tv, finanziata dai fedeli locali, diffondeva film di ispirazione cristiana, documentari sulle attività della Chiesa locale, talk show, interviste e varie pratiche di pietà.

"La comunità cattolica, e più in generale cristiana, è amareggiata" ha commentato Padre Morris Jalal, fondatore e Managing Director di Catholic Tv. "In quanto cittadini come gli altri, i Cristiani hanno il diritto di praticare la propria religione, ma se vengono bloccati allora non sono più cittadini uguali agli altri".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS