Tutte le notizie in breve

David Cameron ha reso pubbliche le sue dichiarazioni dei redditi, come promesso di fronte alle polemiche dello scandalo Panama Papers. Lo ha confermato stanotte la Bbc, mentre i domenicali fanno già trapelare nuovi 'sospetti' nell'analisi di questi dati.

Bbc precisa che, stando all'ultima dichiarazione dell'anno fiscale 2014-15, il premier britannico ha pagato in particolare 76'000 sterline di tasse, su un imponibile indicato in oltre 200'000.

Intanto il Sunday Times lancia nuovi sospetti: secondo il domenicale, il premier britannico avrebbe ricevuto una 'donazione' da 200'000 sterline dalla madre nel 2011, dopo la morte nel 2010 del padre Ian, titolare di un fondo offshore denunciato dai Panama Papers. Si tratta di denaro dietro cui potrebbe in realtà nascondersi un'ulteriore quota di eredità paterna (oltre le 300'000 sterline già dichiarate) sottratta al pagamento della tassa di successione.

Su queste controverse 200'000 sterline - il cui ammontare emerge in effetti da redditi resi noti dallo stesso Cameron - titolano in apertura anche altri domenicali londinesi, dal Mail al Mirror, secondo le anticipazioni serali della rassegna stampa di Sky News.

Se si trattasse davvero di una porzione di eredità celata sotto forma di donazione, il premier - osserva da parte sua il Sunday Telegraph - avrebbe 'risparmiato' 80'000 sterline di tassazione. Il domenicale del Times, da parte sua, titola su quella che definisce "la fortuna nascosta" resa ora pubblica da Cameron, lasciando intuire ulteriori presunte rivelazioni o interpretazioni sulla situazione finanziaria del primo ministro conservatore.

Questi è sotto tiro ormai da diversi giorni dopo l'esplosione del caso Panama Papers, nell'ambito dei leaks sui patrimoni offshore di ricchi e potenti di mezzo mondo trapelati dall'archivio di uno studio legale e d'intermediazione finanziaria panamense.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve