Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Una protesta contro l'aumento del pedaggio sull'unica autostrada attraverso la quale si accede a Lima dal nord è degenerata in scontri violenti con la polizia, durante i quali un agente è rimasto ferito e almeno 40 manifestanti sono stati fermati.

Doveva essere un corteo pacifico: per terza volta dall'inizio dell'anno, migliaia di persone cono scese in piazza per protestare contro il fatto che all'altezza di Puente Piedras - a circa 30 km dalla capitale - l'azienda Rutas de Lima ora fa pagare due pedaggi ai veicoli che si dirigono verso la capitale, uno per l'andata e l'altro per il ritorno, quando fino al dicembre scorso un solo pedaggio copriva i due percorsi.

Il corteo ha cercato di avvicinarsi al pedaggio, bloccando l'autostrada, ma si è vista impedire il passaggio da unità antisommossa. È allora che sono iniziati gli scontri, con lanci di sassi e bottiglie Molotov da parte dei manifestanti, e lacrimogeni e pallettoni di gomma dalle file delle forze dell'ordine.

Una protesta precedente, lo scorso 5 gennaio, era sfociata nell'attacco contro una casello autostradale che è stato incendiato dai manifestanti.

SDA-ATS