Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Ticino ha registrato 100'000 pernottamenti supplementari nel 2016 (foto simbolica d'archivio).

KEYSTONE/TI-PRESS/SAMUEL GOLAY

(sda-ats)

Nel 2016 i pernottamenti sono scesi leggermente in Svizzera, sono diminuiti in modo più sensibile nei Grigioni, ma sono aumentati in Ticino, che si è' rivelata essere la regione elvetica più dinamica.

A livello nazionale sono state registrate 35,5 milioni di notti, con una flessione dello 0,3% rispetto all'anno precedente, dovuta al marcato calo degli stranieri (19,3 milioni, -1,5%) che non è stato interamente compensato dagli indigeni (16,2 milioni, +1,2%).

Stando ai dati diffusi oggi dall'Ufficio federale di statistica (UST) l'analisi dell'anno offre comunque qualche spunto positivo in prospettiva: in sette mesi sono stati osservati cali, ma quelli più marcati durante il primo semestre. Il secondo semestre si è chiuso in modo positivo: 18,7 milioni, +0,4%.

A livello di regioni turistiche il 2016 offre un quadro contrastato: 8 su 14 hanno registrato flessioni. Hanno sofferto in particolare le zone di montagna, come Oberland bernese (-2,4%), Vallese (-1,9%) e Grigioni (-1,9%), cui si aggiunge Lucerna (-2,4%).

Buone nuove giungono per contro dalla regione del Lemano (+4,5%, maggiore incremento in valori assoluti, +121'000) e dal Ticino (+4,6%), che mette a segno la crescita più sensibile in termini percentuali: nel cantone italofono sono stati registrati 100'000 pernottamenti supplementari, un dato che va comunque rapportato al -133'000 dell'anno precedente, quando era stato segnato -5,7%.

La durata di soggiorno media nel 2016 si è attestata nella Confederazione a 2,0 notti, come nell'anno prima. Stranieri (2,1 notti) e svizzeri (2,0) non presentano differenze di rilievo. I Grigioni hanno la durata più lunga (2,7). Il tasso netto di occupazione delle camere è stato del 51,3% contro il 51,5% nel 2015.

Per quanto riguarda la provenienza degli ospiti stranieri, i visitatori dal continente asiatico hanno registrato un calo di 160'000 pernottamenti (-3,4%). L'inversione di tendenza è da ricondurre al forte calo della clientela cinese, che registra la contrazione maggiore (-248'000 pernottamenti, -18,0%) di tutti i paesi di provenienza. Segue il Giappone, con una flessione di 34'000 pernottamenti (-8,5%). In contro tendenza sono i paesi del Golfo (+30'000, +3,2%) e la Corea del Sud (+22'000, +7,1%).

Gli ospiti europei segnano un nuovo calo (-172'000 unità, -1,5%), comunque meno marcato di quelli osservati negli anni precedenti, sottolinea l'UST. La contrazione più sensibile in termini assoluti è stata quella della Germania, con 149'000 pernottamenti in meno (-3,9%), in costante diminuzione da otto anni consecutivi.

Gli arretramenti sono però notevoli anche per Russia (-46'000, -12,4%), Belgio (-28'000, -4,9%), Italia -17'000, -1,8%), Francia (-9800, -0,8%) e il Regno Unito (-7200, -0,4%). Dopo diversi anni in rosso i Paesi Bassi (+530, +0,1%) risalgono invece timidamente la china. La Spagna ha presentato un incremento di 22'000 pernottamenti (+5,6%).

L'evoluzione degli ospiti del continente americano prosegue al rialzo e vede i loro pernottamenti crescere di 68'000 unità (+2,8%). Con 96'000 notti in più (+5,5%), gli Stati Uniti hanno registrato l'aumento più marcato in termini assoluti di questo continente. I continenti africano e oceanico, infine, presentano flessioni rispettivamente di 24'000 (-7,9%) e 1600 (-0,5%).

L'UST ha pubblicato oggi anche i dati riguardanti il solo mese di dicembre. Sul piano svizzero i pernottamenti sono stati 2,4 milioni, con una diminuzione dello 0,8% su base annua, dovuta in questo caso più agli indigeni (-2,3%) che agli stranieri (+0,6%). Fra questi ultimi sono venuti a mancare in particolare gli olandesi (-15,8%), i belgi (-13,0%), gli italiani (-7,9%), gli inglesi (-5,8%) e i tedeschi (-3,8%), mentre in progressione sono stati spagnoli (+19,4%), statunitensi (+13,7%) e indiani (+22,2%).

L'innevamento poco favorevole ha messo sotto pressione Grigioni (-17'000 pernottamenti, -3,8%), Oberland bernese (-14'000, -6,7%) e Vallese, (-13'000, -3,9%). Meglio è andata alle regioni urbane e al Ticino (+918, +1,2%): anche in questo caso va rilevato che il dicembre 2015 a sud delle Alpi si era chiuso in modo molto negativo (-4536, -5,7%).

SDA-ATS