Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Juan Manuel Santos

Keystone/EPA/LEONARDO MUNOZ

(sda-ats)

Il presidente della Colombia, Juan Manuel Santos, si è aggiudicato il premio Nobel per la Pace 2016 per gli "sforzi risoluti" "per porre fine" alla guerra civile con le FARC che dura da oltre 50 anni, malgrado la recente bocciatura dell'intesa nel referendum popolare.

Lo riferisce il Comitato del premio, sottolineando che la guerra civile "è costata la vita di almeno 220'000 colombiani ed ha provocato quasi sei milioni di sfollati". Il premio "dovrebbe anche essere visto come un tributo al popolo della Colombia", a "tutte le parti in causa che hanno contribuito a questo processo di pace" ed ai "rappresentanti delle vittime" di questa guerra.

"Il presidente Santos ha iniziato i negoziati che sono culminati nell'accordo di pace tra il governo colombiano e le Farc" (Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia), ha ricordato la presidente del Comitato del premio Nobel, sottolineando che Santos "ha sempre cercato di portare avanti questo processo" di pace.

Il risultato del referendum "non èstato quello che voleva Santos", ha proseguito riferendosi al 'no' alle urne e osservando che l'esito del voto "ha creato una grande incertezza per il futuro della Colombia: c'è un pericolo reale che il processo di pace si fermi e che riprenda la guerra civile". Per questo, "è importante che il cessate il fuoco venga rispettato".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS