Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il presidente Alexander van der Bellen accolto dall'omologa svizzera Doris Leuthard.

Keystone/ANTHONY ANEX

(sda-ats)

Il nuovo presidente austriaco Alexander Van der Bellen è giunto stamane in Svizzera per una visita di due giorni: all'arrivo a Berna è stato accolto dall'omologa Doris Leuthard. I due hanno lodato la fiducia e la stretta relazione che unisce i due paesi.

In un mondo segnato da conflitti e insicurezza lo scambio tra due "stati stabili e neutrali" come Svizzera è Austria è ancora più importante, ha sottolineato Leuthard parlando davanti ai media. Secondo la presidente della Confederazione, "le relazioni bilaterali tra i due paesi sono eccellenti".

Van der Bellen, eletto lo scorso dicembre dopo aver battuto l'ultranazionalista Norbert Hofer, ha dal canto suo affermato di augurarsi di riuscire ad avere rapporti simili a quelli che intercorrono tra Austria e Svizzera anche con altri stati confinanti. Il presidente, considerato un europeista convinto, dopo l'elezione ha subito reso visita alle istituzioni europee a Bruxelles e Strasburgo. Quello a Berna è però il primo incontro ufficiale con il governo di un altro paese.

Nel corso di un colloquio Leuthard e Van der Bellen hanno dato maggior peso alla situazione politica internazionale piuttosto che ai rapporti bilaterali: sul tavolo l'uscita della Gran Bretagna dall'UE, la situazione dei migranti in Europa e l'attuale presidenza austriaca dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE).

Accantonati i temi scottanti il presidente austriaco si è lasciato andare a un commento ironico sui campionati del mondo di sci attualmente in corso a St. Moritz (GR): "ci rallegriamo per ogni medaglia conquistata dagli atleti svizzeri", ma "i campionati non sono ancora finiti: abbiamo ancora la speranza di battervi".

SDA-ATS