Tutte le notizie in breve

La lista di Stefano Fassina è stata esclusa dalla corsa al Campidoglio.

KEYSTONE/EPA ANSA/MAURIZIO BRAMBATTI

(sda-ats)

Stefano Fassina non potrà correre per il Campidoglio. Il Tribunale amministrativo regionale (Tar) del Lazio ha rigettato il ricorso del candidato Si-Sel a sindaco di Roma e confermato l'esclusione dalle elezioni comunali di giugno delle due liste che lo appoggiano.

Il motivo è la mancanza della data nei moduli di autenticazione delle firme per la candidatura. È stato così confermato dal Tribunale amministrativo il giudizio della Commissione elettorale. Ma Fassina non si arrende: "Non ci fermiamo qui. Siamo convinti delle nostre ragioni e ricorreremo al Consiglio di Stato".

La sentenza del Tar era in larga parte attesa e potrebbe cambiare molto nella campagna per la capitale italiana, con un pacchetto di consensi di sinistra in libera uscita del 5-6%, secondo i sondaggi. Un tesoro al quale possono ambire - astensionismo permettendo - soprattutto Virginia Raggi di Movimento 5 Stelle e Roberto Giachetti del Partito democratico.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve