Tutte le notizie in breve

Il presidente della Confederazione Johann Schneider-Ammann, a sinistra, e il presidente slovacco Andrej Kiska, a destra durante una conferenza stampa tenutasi oggi a Bratislava, in Slovacchia.

Keystone/EPA/JAKUB GAVLAK

(sda-ats)

Questioni di politica europea e il referendum britannico che si terrà fra pochi giorni (Brexit), oltre a temi bilaterali, sono stati al centro dei colloqui odierni tra il presidente della Confederazione Johann Schneider-Ammann e le autorità slovacche.

A Bratislava il consigliere federale ha incontrato il presidente Andrej Kiska, il primo ministro Robert Fico, il ministro dell'economia Peter Žiga e quello dell'educazione Peter Plavčan.

Schneider-Ammann - fa sapere un comunicato del Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca - e i suoi interlocutori slovacchi hanno discusso in particolare sulla situazione e sulle prospettive delle relazioni fra la Svizzera e l'Unione europea (EU) nonché sugli obiettivi della presidenza slovacca del Consiglio dell'UE nel corso del secondo semestre 2016.

Gli interlocutori slovacchi hanno assicurato il loro contributo in veste di intermediari ai fini di una soluzione nell'interesse di Berna e Bruxelles. Per la Svizzera ha preso parte ai colloqui anche Jacques de Watteville, segretario di Stato e negoziatore nelle trattative con l'UE.

Altri temi affrontati durante i colloqui: la cooperazione fra i due Paesi in organi internazionali, la situazione della sicurezza in Europa, con un'attenzione particolare alla crisi ucraina, e la situazione migratoria.

Schneider-Ammann e il presidente Kiska sono poi intervenuti al "Business and Innovation Forum Slovakia-Switzerland 2016", manifestazione che si tiene ogni due anni. I temi di quest'anno erano la digitalizzazione e la robotica.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve