Sciaffusa: dichiarazioni redditi in cassonetto, scatta denuncia


 Tutte le notizie in breve

Centinaia di vecchie dichiarazioni dei redditi sono state abbandonate in un cassonetto davanti al palazzo del municipio di Sciaffusa, in attesa di essere distrutte. La vicenda ha provocato l'intervento del preposto cantonale alla protezione dei dati.

Dopo che un giornalista di un quotidiano locale, lo Schaffhauser Nachrichten, è riuscito a consultare e a fotografare i documenti, il "mister dati" cantonale ne ha ordinato la distruzione immediata.

Le dichiarazioni dei redditi abbandonate risalivano al 2006. A creare problemi non è soltanto il fatto che i passanti avrebbero potuto accedere ad informazioni sui redditi di singoli contribuenti, ha detto all'ats il preposto cantonale Christoph Storrer. Ancora più problematiche sono le informazioni sui divorzi, sugli alimenti da pagare, sulle malattie o su persone che dipendono dall'assistenza. Storrer ha presentato un ricorso all'autorità di vigilanza contro il municipio ed ha sporto denuncia contro ignoti.

"Sono anni che la distruzione delle vecchie dichiarazioni dei redditi avviene secondo una modalità ben definita", ha detto da parte sua il municipale Daniel Preissig, responsabile delle finanze cittadine. I documenti vengono depositati nel cassonetto, in attesa di finire al macero, e sono sorvegliati da un dipendente del comune.

Il municipale non riesce a spiegarsi come abbia fatto il giornalista a verificare il contenuto del cassonetto, ma assicura che si valuterà la necessità di intensificare le misure di sicurezza.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve