Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il gruppo farmaceutico argoviese Siegfried ha registrato un calo dell'utile dovuto ai costi di integrazione dei siti di BASF nel primo semestre 2016. L'utile netto è crollato del 30,5% su un anno a 14 milioni di franchi, ma le vendite hanno realizzato un balzo avanti.

Il fatturato è cresciuto del 76,2% in un anno a 353,6 milioni, indica un comunicato.

Come previsto, l'utile prima di interessi e imposte (EBIT) riflette le spese elevate dovute all'acquisizione: è calato del 3,1% a 19,9 milioni di franchi. L'EBITDA ha raggiunto i 43,7 milioni di franchi, con un incremento del 26,2%. Senza questi effetti eccezionali, l'EBITDA si fissa a 47,8 milioni di franchi e l'utile netto a 16,7 milioni.

Nel 2015 Siegfried ha rilevato tre siti della tedesca BASF a Evionnaz (VS), Saint-Vulbas in Ferancia e Minden in Germania. Per l'esercizio in corso la direzione prevede un EBITDA di 100 milioni di franchi (senza effetti eccezionali).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS