Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Singapore introdurrà una carbon tax dal 2019, per ridurre le emissioni di gas serra.

L'imposta, da 10 a 20 dollari di Singapore a tonnellata di CO2 (da 6,6 a 13,3 euro), colpirà da 30 a 40 grandi produttori di gas serra: centrali elettriche, impianti petrolchimici e aziende produttrici di semiconduttori.

Il governo locale stima che la tassa aumenterà da 3,5 a 7 dollari di Singapore (da 2,5 a 5 franchi) il costo della raffinazione di un barile di petrolio in diesel o benzina.

Singapore è il più grande centro di commercio del petrolio in Asia e le sue tre raffinerie (di ExxonMobil, Shell e Singapore Refinign Company) devono fronteggiare la concorrenza di quelle cinesi, indiane e mediorientali. La decisione del governo locale indica però la sua volontà di andare verso un futuro di energia pulita.

SDA-ATS