Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Immagine d'archivio.

Keystone/AP/

(sda-ats)

Almeno 20 civili sono morti e altri 50 sono rimasti feriti oggi nel corso di raid aerei turchi e fuoco di artiglieria contro il villaggio di Jub al-Kousa, nella Siria settentrionale.

Si tratta di in un'area controllata dalle milizie alleate alle Forze democratiche siriane (Sdf) appoggiate dai curdi. Lo riporta l'Osservatorio siriano per i diritti umani.

I raid seguono la notizia, di ieri, della morte del primo soldato turco in Siria, a Jarablus, durante un attacco con razzi da parte di militanti curdi.

L'Osservatorio riporta che l'attacco odierno aveva come obiettivo un'area a sud di Jarablus, un'ex roccaforte dell'Isis catturata dalle forze turche nel primo giorno dell'offensiva battezzata 'Scudo dell'Eufrate'.

Jub al-Kousa si trova circa 15 chilometri a sud di Jarablus ed è sotto il controllo delle milizie appoggiate dalle forze curde. Nell'operazione sono morti anche un numero ancora imprecisato di miliziani.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS