Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Si è conclusa oggi nella Siria centrale la prima fase dell'accordo tra regime e opposizioni armate per la resa di un'area vicino a Homs fuori dal controllo governativo.

Lo riferiscono all'agenzia italiana ANSA fonti sul terreno a conferma di quanto annunciato dall'Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria (Ondus).

Le fonti hanno confermato che i primi 350 tra insorti e loro familiari hanno lasciato il sobborgo di Waar, assediato da oltre due anni dalle forze lealiste e sottoposto a quotidiani bombardamenti di artiglieria e spari di cecchini, in direzione di altre zone sotto assedio e sempre controllate da insorti a nord di Homs.

Il loro trasferimento fa parte della prima fase dell'accordo raggiunto tra regime e opposizioni armate per consentire la resa degli insorti asserragliati a Waar e la graduale fine dell' assedio, definito medievale da analisti e operatori umanitari, imposto dal governo alla popolazione civile locale, sottoposta dal 2013 a mancanza cronica di cibo, medicine, cure mediche, acqua potabile, elettricità.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS