Tutte le notizie in breve

Il comandante Mustafa Badreddine

KEYSTONE/EPA/NABIL MOUNZER

(sda-ats)

Ci sarebbero i jihadisti sunniti dietro la morte, nei pressi di Damasco, di Mustafa Amine Badreddine. A dirlo, all'indomani dell'uccisione del comandante militare di Hezbollah in Siria, è stato lo stesso "Partito di Dio".

Il partito ha così smentito le notizie circolate di un raid israeliano.

Senza indicare alcun gruppo specifico, Hezbollah ha diramato questa mattina una nota nella quale sostiene che "le indagini hanno dimostrato che l'esplosione, nella quale è stata colpita una delle nostre basi nei pressi dell'aeroporto internazionale di Damasco e che ha causato il martirio de comandante Mustafa Badreddine, è stata il risultato di un bombardamento di artiglieria condotto da gruppi takfiri nell'area". Con il termine takfiri vengono indicati gli estremisti sunniti.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve