Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"I continui bombardamenti russi e siriani contro gli ospedali condannano centinaia di feriti a morte certa" nella parte est di Aleppo. È quanto afferma oggi in un comunicato Medici Senza Frontiere (MSF).

L'ong sottolinea che di otto strutture sanitarie ancora funzionanti in questa parte della città assediata, quattro ospedali e una banca del sangue sono stati danneggiati dai bombardamenti a partire dal 30 settembre per quattro giorni, uno di questi due volte.

Il primo ottobre un importante ospedale traumatologico è stato così gravemente danneggiato dai bombardamenti che è stato costretto a chiudere. Due giorni dopo, mentre squadre di operai lavoravano per riparare i danni, l'area è stata bombardata nuovamente numerose persone sono state uccise ed è stato danneggiato ulteriormente l'ospedale.

"I pochi ospedali rimasti sono al collasso con un flusso di centinaia di feriti in agonia sui pavimenti dei reparti e nei corridoi" ha detto Pablo Marco, coordinatore delle operazioni di MSF nel Medio Oriente. "In mancanza di sale operatorie funzionanti - ha aggiunto - per trattare le vittime dei bombardamenti i medici sono costretti a effettuare interventi d'urgenza, inclusi quelli di chirurgia addominale e neurochirurgia, sui pavimenti del pronto soccorso. La Russia e la Siria devono mettere fine a questo massacro, adesso".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS