Siria: Santa Sede, sei anni di inutile strage


 Tutte le notizie in breve

Un accorato appello di pace per la Siria è stato lanciato dall'osservatore permanente della Santa Sede agli Uffici Onu di Ginevra.

KEYSTONE/EPA/JAMAL NASRALLAH

(sda-ats)

Un accorato appello di pace per la Siria è stato lanciato dall'osservatore permanente della Santa Sede agli Uffici Onu di Ginevra, mons. Ivan Jurkovič, a sei anni dall'inizio di un conflitto che - ha detto - è un massacro senza senso.

Intervenendo alla 34ma sessione del Consiglio Onu per i diritti umani, mons. Jurkovič, ha parlato di una "situazione è disastrosa": sei anni di violenza hanno provocato centinaia di migliaia di morti e feriti, infrastrutture, case, scuole, ospedali e luoghi di culto distrutti; intere città devastate, malnutrizione e cure mediche inadeguate. "Questa è la triste realtà che il popolo siriano deve affrontare ogni giorno".

"La Santa Sede - afferma il presule, secondo quanto riferisce Radio Vaticana - desidera ribadire la sua solidarietà con il popolo siriano e in particolare con le vittime della violenza, e incoraggia la comunità internazionale ad abbracciare la prospettiva delle vittime. Sei anni di inutile strage mostrano ancora una volta l'illusione e la futilità della guerra come mezzo per risolvere le controversie. L'ambizione per il potere politico e gli interessi egoistici" insieme "alla complicità di quelli che fomentano la violenza e l'odio" con la vendita di armi, "hanno provocato un esodo di 5 milioni di persone dalla Siria dal 2011, lasciando dietro di sé altri 13,5 milioni di persone nel bisogno, di cui circa la metà sono bambini". "Di fronte a questi numeri - sottolinea - il dialogo a tutti i livelli è l'unica via che abbiamo davanti".

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve