Tutte le notizie in breve

Mariano Rajoy sulla carta non ce la farä

KEYSTONE/EPA EFE/EMILIO NARANJO

(sda-ats)

Il premier uscente ed incaricato spagnolo Mariano Rajoy si presenta questo pomeriggio senza maggioranza davanti al Congresso per una sessione di investitura e un primo voto di fiducia, previsto per domani, che sarà con ogni probabilità negativo.

Il leader popolare conta sull'appoggio di 170 deputati su 350, 6 in meno rispetto alla maggioranza assoluta necessaria al primo turno. Un secondo voto, a maggioranza semplice, si terrà venerdì. Salvo colpi di scena dovrebbe essere di nuovo negativo.

Rajoy ha fatto ieri un ultimo tentativo per spostare il Psoe (85 seggi) dal rigido no annunciato finora all'astensione. Ma l'incontro con il segretario socialista Pedro Sanchez non ha prodotto alcun cambiamento. Oltre al Psoe hanno annunciato voto contrario Podemos (71 seggi) e i 24 deputati nazionalisti e indipendentisti catalani e baschi.

Il premier uscente conta sui 137 deputati del Pp, oltre che sui 32 di Ciudadanos e sull'unico parlamentare di Coalicion Canaria, due partiti con i quali ha siglato un accordo di investitura.

Il voto di domani farà scattare il conto alla rovescia verso nuove elezioni, le terze in un anno. Se il 2 novembre la Spagna non avrà un nuovo premier il paese tornerà alle urne il 25 dicembre, dopo un anno di paralisi politica e istituzionale.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve