Tutte le notizie in breve

Aerei di Swiss a Ginevra

Keystone/SALVATORE DI NOLFI

(sda-ats)

La presenza di Swiss all'aeroporto di Ginevra è in forse: la compagnia aerea di bandiera non è infatti ancora riuscita a raggiungere gli obiettivi di redditività fissati dalla casa madre Lufthansa.

Una decisione verrà adottata nei prossimi due-tre anni. La notizia, diffusa oggi dai settimanali "Le Matin Dimanche" e "SonntagsZeitung", è stata confermata all'ats dalla portavoce di Swiss Sonja Ptassek .

Lufthansa - ha precisato la portavoce - sta ora valutando se sostituire a Ginevra il vettore elvetico con Eurowings Europe. Stando a informazioni in possesso della "SonntagsZeitung", avrebbe già chiesto alla compagnia aerea lowcost di tratteggiare un business-plan.

Ptassek ha aggiunto che Swiss intende rafforzare la propria presenza in Svizzera romanda e tiene molto a continuare a essere rappresentata presso lo scalo ginevrino di Cointrin. La razionalizzazione della rete di destinazioni da Ginevra e l'introduzione dei nuovi jet Bombardier C a ridotto consumo di carburante dovrebbero avere un influsso positivo sulla situazione, secondo Swiss, che non prevede di cambiare la propria strategia rispetto allo scalo ginevrino.

Swiss è stata costretta a posticipare di almeno un anno il suo piano di redditività per Ginevra, inizialmente previsto per fine 2016/inizio 2017. La compagnia aerea - che nella città di Calvino soffre soprattutto a causa della concorrenza della lowcost Easyjet, principale vettore presso l'aeroporto - mantiene tuttavia i suoi obiettivi e auspica di raggiungere un tasso di occupazione degli aerei in partenza da Cointrin di oltre il 80%.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve