Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Donazione di organi? Troppo poche in Svizzera

Keystone/GAETAN BALLY

(sda-ats)

In Svizzera il tasso di donazione di organi rimane troppo basso mentre la lista delle persone in attesa di un trapianto continua ad aumentare. Lo indica oggi la Fondazione nazionale svizzera per il dono e il trapianto di organi (Swisstransplant) in un nota.

Nel 2016 il numero di donatori in stato di morte cerebrale o deceduti a seguito di un arresto cardiocircolatorio si è fissato a 111, un numero ben al di sotto delle aspettative. Il tasso di donazione, 13,3 donatori ogni milione di abitanti, si posiziona nell'ultimo terzo della classifica europea.

Parallelamente il numero di pazienti in attesa di un trapianto continua ad aumentare: circa 1480 persone sono oggi in lista d'attesa, pari ad un aumento del 7% in un anno. Di conseguenza sale anche il numero di pazienti che attenderà invano una donazione, sottolinea la fondazione.

Nonostante il numero di donazioni sia cresciuto lentamente negli anni, l'obiettivo del piano d'azione "Più organi per i trapianti" di portare il tasso a 20 donatori per milione di abitanti entro il 2018 "appare difficile da raggiungere". Per Swisstransplant il Parlamento dovrà quindi nuovamente occuparsi della questione relativa alle modalità di consenso.

Le Camere federali avevano approvato una modifica della Legge sui trapianti nella sessione estiva del 2015. Durante i dibattiti, il Parlamento aveva bocciato l'introduzione del modello del "consenso presunto", che autorizza il prelievo di organi in assenza di un esplicito rifiuto. Modello che potrebbe ora tornare d'attualità.

SDA-ATS